L’incanto del Namì. Si narra sia un lungo misterioso in cui accadono incontri che resteranno scolpiti nella pietra per sempre. Incontri romantici di corpi e anime.
Pensate sia solo leggenda? Leggete questa storia realmente accaduta…

Correva l’anno 2012 e al Namì si festeggiava una delle tante feste di addio al nubilato organizzate nel meraviglioso contesto serale della struttura, in un’atmosfera allegra e frizzante con musica dal vivo. Protagonista della serata, naturalmente, la sposa agghirlandata col classico velo bianco e le amiche che indossavano colorate coroncine floreali. Tra loro era presente anche Dina, un’amica d’infanzia della promessa sposa.

La serata trascorreva in maniera piacevole in un ricco buffet, tra gustosi tramezzini e un prosecco a bordo piscina quando, accortasi della presenza del fotografo ufficiale Luigi, Dina richiamava la sua attenzione per invitarlo ad immortalare con qualche scatto una serata cosi divertente ed emozionante. Dopo diverse foto che catturavano i migliori sorrisi delle protagoniste, Dina si informava su come poter ricevere in seguito le foto. Lasciandole un bigliettino da visita Luigi le indicava il link da cui era possibile scaricarle. Tuttavia preferendo una forma più riservata, di comune accordo decidevano di scambiarsi il contatto Facebook. Così il giorno seguente i due si scambiavano l’amicizia anche sulla piattaforma virtuale, tuttavia il discorso tra i due si concludeva dopo l’avvenuta trasmissione delle foto della serata.

A distanza di diversi anni in cui la loro conoscenza si trasformò in oblìo, l’attenzione di Luigi venne colpita da un “mi piace” ad una sua foto da parte di una bella ragazza di cui non aveva più memoria. Decise di contattarla e catturati da un’empatia immediata si rendono conto che pur non ricordandosi più l’uno dell’altra avevano voglia di vedersi per bere un drink assieme. Pensando di sorprenderla attraverso una location bellissima, Luigi decise di portarla a bordo piscina al Namì.

Tra una chiacchiera e una risata la loro sintonia si trasformò in una irresistibile alchimia. E fu così che, come d’improvviso, magicamente si resero conto entrambi di ritrovarsi seduti esattamente allo stesso tavolo in cui si conobbero la sera dell’addio al nubilato di anni prima. Fu l’inizio di una storia romantica che tutt’oggi prosegue, vedendo il Namì come location unica e riferimento insostituibile dei loro anniversari. Il luogo più bello dove rivivere ogni volta la stessa emozione. Namì…in magìa.